Comune di Quargnento
comune di Quargento
Spazio1
Spazio2
Spazio3

TARI 2016

Da sabato 25 giugno le utenze domestiche (famiglie) e non domestiche (attività economiche) del Comune di Quargnento riceveranno una lettera contenente l'informativa sulla TARI - TASSA SUI RIFIUTI per l'ANNO 2016.
Per risparmiare, come per gli anni scorsi, la distribuzione delle lettere TARI avviene in economia, tramite la disponibilità di Amministratori, dipendenti comunali e con la collaborazioni di lavoratori LSU e/o studenti in stage presso il Comune.

A decorrere dal 1/1/2014 la legge n.147 del 27 dicembre 2013 (Legge di stabilità 2014) ha soppresso il tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES) e istituito l’imposta unica comunale (IUC) stabilendo che si compone dell’imposta municipale propria (IMU), di natura patrimoniale, e di una componente riferita ai servizi, che si articola nel tributo per i servizi indivisibili (TASI), e nella tassa sui rifiuti (TARI), destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell’utilizzatore.
IL CONSIGLIO COMUNALE con deliberazione n. 24 del 30 settembre 2014 ha approvato il regolamento e CON DELIBERAZIONE N. 8 DEL 30 APRILE 2016 HA CONFERMATO LE TARIFFE APPLICATE ALLA TARI 2015 PER L'ANNO 2016.

La TARI, si compone di una quota fissa e di una quota variabile; la somma di queste due componenti costituisce l’imponibile dovuto:

- LA PARTE FISSA è rapportata ai costi sostenuti per il servizio di raccolta rifiuti, comprendente lo spazzamento, la raccolta, il trasporto ed il trattamento dei rifiuti.

- LA PARTE VARIABILE è rapportata alla quantità di rifiuti conferiti, al servizio fornito, all’entità dei costi di gestione.
- Per le UTENZE DOMESTICHE (famiglie) è determinata in base al numero dei componenti.
- Per le UTENZE NON DOMESTICHE (attività economiche) è determinata in base ai coefficienti di potenziale produzione di rifiuti relativi alla categoria di appartenenza rapportati alla superficie.

Resta invariato il TRIBUTO AMBIENTALE PROVINCIALE che è la quota dovuta all’Amministrazione Provinciale pari al 5% della tariffa.


CHI DEVE VERSARE IL TRIBUTO
Il presupposto della TARI è il possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di locali, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani.
Sono escluse dalla TARI le aree scoperte pertinenziali o accessorie a locali tassabili, non operative, e le aree comuni condominiali di cui all'articolo 1117 del codice civile che non siano detenute o occupate in via esclusiva.


SCADENZE DI VERSAMENTO
Le date di scadenza delle rate di versamento per l’anno 2016 sono state stabilite come segue:
- prima rata (oppure versamento in unica soluzione): scadenza 31 luglio 2016;
- seconda rata: scadenza 30 settembre 2016;
- terza rata a saldo: scadenza 30 novembre 2016.


MODALITA’DI VERSAMENTO
Il versamento sarà effettuato mediante l'utilizzo del modello F24 precompilato allegato alla nota informativa.

Il Consiglio Comunale, come per gli anni 2014 e 2015, con deliberazione n. 8 del 30 aprile 2016, ha scelto di utilizzare € 100.000,00 delle risorse derivanti dalla gestione della discarica di Solero a confine con Quargnento (Convenzione approvata dal Comune di Quargnento con delibera consigliare n. 8 del 26.03.2009) a parziale copertura dei costi del servizio rifiuti 2016 e come parziale compensazione dei disagi causati dalla gestione. A tal motivo si riporta in coda la tabella riepilogativa degli importi relativi alla Tassa dei Rifiuti evidenziando in particolare il confronto dell’importo a carico dei cittadini con e senza il contributo comunale.

Si comunica che il responsabile del Servizio Tributi è la Sig.ra Luparia Claudia, disponibile presso il relativo sportello nel seguente orario: Martedì e Sabato dalle ore 9,30 alle ore 12,30 – Tel 0131/219306 – tributi@comune.quargnento.al.it.

Entro l'autunno verrà emesso il ruolo secondario (o suppletivo) nel quale verranno inseriti i nuovi residenti dell'anno e sistemate le posizioni mancanti degli anni 2014 e 2015.

Si confida nel consueto senso civico della Cittadinanza e si rammenta che il pagamento del dovuto da parte di tutti consente di ripartire equamente l'onere che si è chiamati a sostenere.


Photogallery

fotografia

Torna indietro