RACCOLTA FIRME DEPOSITO NUCLEARE

Pubblicato il 20 marzo 2021 • Ambiente , Comune Piazza I Maggio, 15044 Quargnento AL, Italia

Tutti i Sindaci della provincia, la Provincia di Alessandria e la Regione Piemonte, hanno deciso di perseguire la battaglia per il “NO” al Deposito Nazionale di Scorie Nucleari Unico sul nostro territorio, basandosi su criteri oggettivi e quindi non lasciandosi trasportare da iniziative irresponsabili ed irrazionali. Siamo convinti che anche l’interesse locale abbia la sua importanza, e proprio per questo sarà compito nostro verificare tutte le possibilità per poter dimostrare che il nostro territorio non è adeguato ad esaudire tale proposta.

Proprio per queste ragioni con un innumerevoli gruppi di cittadini e comitati spontanei, proponiamo una raccolta firme tramite PETIZIONE POPOLARE per dire NO ad un scempio di tal genere.

E’ POSSIBILE FIRMARE LA PETIZIONE “NO DEPOSITO NUCLEARE” IN TUTTI I COMUNI DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA PRESSO LE RISPETTIVE SEDI MUNICIPALI.

Pertanto negli orari di apertura degli uffici comunali (dal lunedì al sabato dalle 9 alle 12) sarà possibile sottoscrivere la PETIZIONE POPOLARE, muniti di documento d'identità. Stante l'attuale emergenza sanitaria è opportuno prenotare un appuntamento (tel. 0131-219133 e-mail info@comune.quargnento.al.it).

Di seguito il testo della Petizione proposta dal Comitato Gente del Territorio (Ex art. 50 Cost.)

I sottoscritti cittadini: premesso che: in seguito all'emanazione del decreto interministeriale del Ministero dello sviluppo economico e del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare del 30 dicembre 2020, la So.G.I.N. S.p.A. (la società statale incaricata dello smantellamento degli impianti nucleari italiani e della gestione e messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi) ha provveduto alla pubblicazione della Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee (Cnapi) ai fini della realizzazione del deposito nazionale per il combustibile irraggiato e dei rifiuti radioattivi;

la Carta comprende 67 aree, con priorità differenti, dislocate nelle regioni Piemonte (8 zone), Toscana e Lazio (24 zone), Basilicata e Puglia (17 zone), Sardegna (14 aree), Sicilia (4 aree); risultano 12 aree in classe A1, 11 aree in classe A2, 15 aree in classe B e 29 aree in classe C; le aree in classe A1, ossia con la massima priorità, sono ubicate: 2 in provincia di Torino, 5 in provincia di Alessandria e 5 in provincia di Viterbo;

la pubblicazione della Cnapi, con l'elenco dei 67 luoghi potenzialmente idonei, che presentano differenti gradi di priorità a seconda delle caratteristiche, di fatto dà l'avvio alla fase di consultazione dei documenti per la durata di due mesi, all'esito della quale si terrà, nell'arco dei quattro mesi successivi alla pubblicazione della Cnapi, un seminario nazionale;

in base alle osservazioni pervenute e alla discussione nel seminario nazionale, la So.G.I.N. S.p.A. aggiornerà la Cnapi che verrà nuovamente sottoposta ai pareri del Ministero dello sviluppo economico, dell'ente di controllo Isin, del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare e del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. In base a tali Page | 2 pareri, il Ministero dello sviluppo economico convaliderà la versione definitiva della Carta nazionale delle aree idonee (Cnai).

Tanto premesso, i sottoscritti cittadini,

1) sollecitano un’ampia discussione, impegnando il governo a coinvolgere, nel rispetto delle prescrizioni di legge, gli Enti locali e tutti i soggetti coinvolti portatori di interesse (Comitati, Associazioni di categoria);

2) richiedono che si eliminino con provvedimento normativo, anche in seguito alla consultazione pubblica, le proposte che eventualmente presentano distanze di un solo chilometro da strade, ferrovie e centri abitati, come risulta da alcuni criteri Ispra-So.G.I.N. esposti nelle premesse, e ad esplicitare la definizione di «adeguata» distanza dai centri abitati, includendo in essi cascine, agglomerati di case;

3) richiedono che si eliminino con provvedimento normativo le proposte relative all'ubicazione dei siti in zone dedite all’agricoltura, specialmente quelle con colture di pregio, come anche quelle di ubicazione in zone con falde acquifere superficiali o di ricarica della falda profonda;

4) richiedono che si eliminino con provvedimento normativo le proposte che interessano aree prossime a siti definiti dall'Unesco «Patrimonio dell'umanità», come quello de «I Paesaggi Vitivinicoli del Piemonte: Langhe-Roero e Monferrato».

5) richiedono che si eliminino con provvedimento le aree insistenti su Comuni che siano sedi o limitrofi a monumenti che per il loro pregio d'arte e di storia, o per il loro significato religioso o valore culturale, morale, abbiano rilevanza nazionale o regionale.

Presso il Municipio di Quargnento è anche possibile sottoscrivere la RACCOLTA FIRME DI ADESIONE AL COMITATO DEPOSITO NAZIONALE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI IN PROVINCIA DI ALESSANDRIA.

Con atto costitutivo redatto dallo Studio Legale Oneglia è stato costituito in data 06.01.2021 un Comitato per seguire con attenzione l’iter della procedura e fare sentire le nostre ragioni e la nostra contrarietà.

Al fine di affrontare al meglio il complesso iter procedurale il Comitato ha tra i suoi Fondatori alcuni Avvocati con esperienza in materia e avrà presto una serie di consulenti sulle specifiche materie da affrontare per contrastare adeguatamente tale insediamento.

Il comitato e’ naturalmente aperto a tutti coloro che vorranno farne parte, non ha interesse a fare polemica ma vuole solo e semplicemente tutelare il territorio alessandrino ed evitare che venga scelto come pattumiera d’Italia per i rifiuti radioattivi.

Atto costitutivo COMITATO DEPOSITO NAZIONALE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI IN PROVINCIA DI ALESSANDRIA
Allegato formato pdf
Scarica
Testo Petizione NO Deposito Nucleare
Allegato formato pdf
Scarica